Notizie

18 maggio 2022

Pièra N14
Abitare il territorio – La collina e la fascia pedemontana
In uscita a Maggio 2022

“Abitare il territorio” è dedicato alla trasformazione degli spazi in esso contenuti ed alle diverse forme di abitarlo. Una riflessione aperta sui luoghi che viviamo, letta attraverso le architetture realizzate in uno specifico contesto. Il percorso prevede lo studio di un territorio caratterizzato dalla compresenza di diversi ambiti geografici, spesso paesaggi ibridi di difficile delimitazione, che possono essere descritti in funzione delle variate peculiarità derivate dall’orografia dei luoghi. La campagna e la città rarefatta, il paesaggio collinare e la fascia pedemontana, la fascia costiera, la città densa e il nucleo storico, sono i quattro ambiti differenti per densità abitativa e modelli insediativi, ai quali saranno dedicati i singoli numeri tematici della rivista. Territori che in questi anni sono stati attraversati da processi di trasformazione generati da grandi eventi o piccole azioni, da leggi urbanistiche e da macro investimenti economici, come anche da idee innovative e proposte culturali.

Pièra è la rivista pensata, scritta e realizzata dagli architetti dell’Ordine Professionale della Provincia di Treviso, che si rivolge ad un pubblico vasto, alle famiglie, ai giovani, ai non addetti ai lavori. Obiettivo è riconsegnare valore, ruolo e credibilità al mestiere dell’architetto, confidando di ritrovare in lui il sapere e le capacità per risolvere i problemi delle città e dei territori dove vivono gli uomini dei giorni nostri. La rivista esprime il progetto di architettura riportandolo alla dimensione di un racconto che parla dei rapporti tra committente e progettista, delle relazioni tra le persone coinvolte. Tutto, a partire dal nome, è stato ideato per ottemperare a queste premesse. L’architettura nell’immaginario collettivo è accostata alla casa che, nella nostra tradizione, nella sua considerazione economica e nella sua rappresentazione iconografica è pietra (mattone), che è materiale solido e naturale, derivato dalla terra e dal paesaggio. La lettura del termine in chiave dialettale è il riferimento al territorio che la rivista si pone di considerare e studiare con spirito di miglioramento.